L'Euro e la Lira

 

Nome  5 euro
Dimensione 120 x 62 mm
Stile classico              
Colore grigio-verde
Valore 9.681 lire

  

Nome  10 euro
Dimensione 127 x 67 mm
Stile romantico 
Colore rosso
Valore 19.363 lire

 

Nome  20 euro
Dimensione 133 x 72 mm
Stile gotico 
Colore blu
Valore 38.725 lire

 

Nome  50 euro
Dimensione 140 x 77 mm
Stile rinascimentale 
Colore arancione
Valore 96.814 lire

Nome  100 euro
Dimensione 147 x 82 mm
Stile barocco 
Colore verde
Valore 193.627 lire

 

Nome  200 euro
Dimensione 153 x 82 mm
Stile arte del ferro 
Colore giallo-marrone
Valore 387.254 lire

 

Nome  500 euro
Dimensione 160 x 82 mm
Stile arte del vetro 
Colore porpora
Valore 968.135 lire

 

 

Diametro 16.25 mm Diametro 18.75 mm
Effige Castel del Monte, Andria (Puglia) Effige Mole Antonelliana
Valore 19 lire Valore 39 lire

 

 

Nome 5 cent Nome 10 cent
Diametro 21.25 mm Diametro 19.75 mm
Effige Colosseo o Anfiteatro Flavio Effige particolare della "Nascita di Venere", Botticelli
Valore 97 lire Valore 194 lire

 

 

Nome 20 cent Nome 50 cent
Diametro 22.25 mm Diametro 24.25 mm
Effige "Forme uniche nella continuità dello spazio", scultura di U. Boccioni Effige Marco Aurelio, monumento equestre del II sec. d.C.
Valore 387 lire Valore 968 lire

 

 

Nome 1 euro Nome 2 euro
Diametro 23.25 mm Diametro 25.75 mm
Effige l'uomo vitruviano, Leonardo da Vinci Effige ritratto di Dante Alighieri, Raffaello Sanzio
Valore 1936.27 lire Valore 3.873 lire

 

QUANTO VALE LA LIRA

20 lire 1 cent 2.000 lire 1.03 euro
50 lire 3 cent 5.000 lire 2.58 euro
100 lire 5 cent 10.000 lire 5.16 euro
200 lire 10 cent 50.000 lire 25.82 euro
500 lire 26 cent 100.000 lire 51.65 euro
1.000 lire 52 cent 500.000 lire 258.23 euro

 

LA STORIA DELLA LIRA

Le origini della Lira sono da ricercare nella Libbra, che in epoca romana veniva utilizzata come unità di misura ed equivaleva a 325 grammi. Sarà Carlo Magno, intorno all'anno 800 d.c., a trasformare la libbra da peso in moneta: la gente cominciò così a parlare più semplicemente di libbra per indicare la moneta e successivamente di lira: ma la Lira in realtà non esisteva ancora. Mille anni dopo, nel 1808, Napoleone faceva coniare dalla Zecca di Milano la prima "lira italiana". La lira che però utilizzeranno gli italiani fino al 2001 è quella del sistema metrico decimale introdotto da Vittorio Emanuele I, che fece coniare pezzi da 80 lire in oro e da 5 lire in argento, mentre Carlo Felice aggiunse la coniazione in rame. Con la fondazione del Regno d'Italia, nel 1861, la Lira diventa la moneta nazionale. In epoca fascista cominciano a circolare le prime lire in carta moneta e la Banca d'Italia diventa l'unico istituto di emissione. Nel 1943, con l'occu­pazione alleata, viene introdotta la AM- lira, stampata a Palermo.  L'avvento della Repubblica Italiana sancì il definitivo ritorno alla Lira. Il resto, dall'ingresso della Lira nello Sme all'Euro, è storia di oggi.

 

LE VECCHIE LIRE

dieci lire 1866

cento lire 1897

mille lire 1930 mille lire 1943

diecimila lire 1947 diecimila lire 1962
centomila lire 1967 mille lire 1969
cento lire 1976 mille lire 1990
duemila lire cinquemila lire
diecimila lire cinquantamila lire
centomila lire 
cinquecentomila lire 1999

Alcune banconote sono tratte dal libro La Lira d'oro, di Alfredo Taracchini, Collezioni numismatiche

 

TASSO DI CONVERSIONE DELL'EURO NEI PAESI DELLA COMUNITA' EUROPEA: